Isolamento termico

La vostra abitazione è eccessivamente calda in estate e terribilmente fredda in inverno? Potrebbe non essere colpa del settaggio del sistema di riscaldamento.
Spesso la causa è da ricercarsi nell’isolamento termico dell’immobile e può essere motivo di bollette molto salate.
Bisogna tenere in considerazione inoltre due fattori fondamentali:

• L’anno di costruzione dell’immobile: come noi della ditta Compagnucci Srl ben sappiamo, negli anni ’60 e ’70 si poneva ancora una scarsa sensibilità in merito al problema dell’isolamento termico. La sezione degli infissi aveva una dimensione neanche lontanamente paragonabile a quella che possiamo osservare oggi. Stessa cosa vale per le tecniche utilizzate per l’isolamento di pareti, solai e coperture di vario genere. La conseguenza diretta di ciò? Una dispersione del calore e una spesa più elevata.
• Metratura interna: maggiore è la metratura, maggiore è la dispersione di calore.

Noi della ditta Compagnucci Srl abbiamo accumulato una consolidata esperienza nella progettazione e realizzazione dell’adeguato sistema di isolamento termico per edifici. Contattateci per effettuare un primo sopralluogo gratuito: avremo la possibilità di valutare, nel caso di un problema già esistente, come riparare e migliorare la coibentazione dell’abitazione in questione. Nel caso invece di una nuova costruzione potremo consigliarvi in maniera particolareggiata quale tecnica è più adatta alle vostre esigenze.
Siamo specializzati nella realizzazione delle seguenti tecniche di coibentazione:

Conosciamo le normative in vigore e sappiamo quale tecnica si adatta perfettamente alle vostre esigenze.

• Isolamento termico del tetto: com’è possibile valutare se il tetto della nostra casa è ben coibentato? Una prova empirica possiamo ottenerla già appoggiando una mano sulla superficie e verificare se i rivestimenti murali sono freddi anche con il riscaldamento acceso. La coibentazione del tetto è fondamentale per assicurare il corretto isolamento dell’intera abitazione, e viene effettuato ponendo l’isolante direttamente al di sotto delle tegole, in modo da creare una camera d’aria tra le due parti con una sezione dai 4 agli 8 cm (da tenere in valida considerazione anche le caratteristiche climatiche del luogo di costruzione). Nel caso il tetto non sia ricoperto di tegole la dispersione del calore sarà maggiore, e potrebbe risultare utile unire all’isolamento del tetto una controsoffittatura interna, per garantire comunque il comfort delle stanze situate all’ultimo piano.
• Isolamento termico a cappotto: tecnica che di solito scegliamo di utilizzare se l’escursione termica tra notte e giorno è molto elevata. In questo caso, a seconda delle esigenze particolari, possiamo realizzare un doppio cappotto: alle pareti interne (realizzazione di pareti ventilate, applicazione di pannelli di sughero, insufflaggio) e ai muri esterni. La realizzazione vera e propria del cappotto consiste nel concetto di protezione dell’involucro dell’edificio, fissando alle pareti, grazie all’utilizzo di malte, dei pannelli in fibre minerali o espanso dello spessore minimo di 6 cm.

Prima di optare per una delle tecniche elencate qui sopra, rivolgetevi a noi. Conosciamo le normative in vigore e sappiamo quale tecnica si adatta perfettamente alle vostre esigenze. La nostra professionalità è a vostra disposizione per assicurarvi comfort e un notevolissimo risparmio energetico.